24/03/08

THE RACONTEURS "CONSOLERS OF THE LONELY"

- Frequenze Review -

"Consolers Of The Lonely" 2008 - XL

Consoler Of The Lonely
Salute Your Solution (Mp3)
You Don’t Understand Me
Old Enough
The Switch And The Spur
Hold Up
Top Yourself (Mp3)
Many Shades Of Black
Five On The Five
Attention
Pull This Blanket Off
Rich Kid Blues
These Stones Will Shout
Carolina Drama


Buy it from Amazon
The Raconteurs Myspace

I Raconteurs sanno essere magnificamente al di fuori da ogni moda. Si era già capito con "Broken Boy Soldiers", un disco che ha dimostrato come in un mondo di computer e sintetizzatori, si possa suonare ancora un rock tutto sommato di stampo classico senza mai cadere nella banalità. La domanda è: ci si può evolvere da questo status, pur rimanendo negli stessi canoni? Verrebbe da dire di no, poichè ormai tutto è già stato fatto, provato, udito. Ebbene, in questo caso, la risposta è sì.
C'è un motivo puramente chimico. Una miscela di influenze differenti (il power-pop di Benson, l'hard blues di White, il garage-rock di Lawrence e Keeler) il cui prodotto è talmente coeso da risultare puro.
Lo si capisce subito, proprio dalla title-track "Consoler Of The Lonely", brano che apre le danze. Tre minuti e mezzo scarsi di un ibrido di stili che sfociano in nitida sostanza rock. Spaccato: un minuto di attacco stoner (di quelli da corna in alto), poi la battuta rallenta e la voce di White skretcha come fosse un vinile (sembra di sentire Zack de la Rocha nel '92..), ritorno e finale hard rock con assolo. Deep Purple? Si. Rage? Cacchio, anche. In una parola sola: Raconteurs. E si continua così per tutto l'album: "Salute your Solution" è un pezzo garage tirato, con un inciso Funkadelico e cori che sembrano arrivare direttamente da "Maggot Brain". In "The Switch and The Spurs" una melodia di Kinksiana memoria si fonde con fiati mariachi e un finale dal sapore quasi celtico. Fiati che ritornano anche in "Many Shades of Black", questa volta a confezionare un brano che se non fosse proprio per gli ottoni diremmo partorito dai migliori Aerosmith in tutto e per tutto. "Old Enough" porta dalle parti di un immaginario confine fra i Byrds e i Creedence. A dominare la quasi strumentale "Hold Up" c'è un Claptoniano riff compresso da un wah-wah con la targa "Cream'67" sui fianchi. E questo è l'altissimo standard. Poi c'è il sublime: "Rich Kid Blues" e "These Stones will Shout" escono dal calderone degli ingredienti tipici degli Zeppelin e la coppia Benson-White è così in alto che per alcuni attimi guarda negli occhi i giovani Page e Plant senza impallidire al loro confronto. Ancora più su: "Come farai a migliorarti, quando non ci sarà nessuno con te...come farai ad arrangiarti? Io non sarò qui ad aiutarti...". Queste le liriche urlate di "Top yourself", una maledizione cantata ad una donna irriconoscente, un inno blues uscito dalle paludi del sud (qualcuno ricorda Zakk Wilde e i Pride and Glory?!), accompagnato da banjo e slide guitar come da tradizione voodoo. Ed infine "Carolina drama", un western metropolitano raccontato in sei minuti, con pause Morriconiane e un crescendo continuo fino alla strofa-epilogo, quando la voce di Jack White chiude il brano e l'album. Il sapore generale ruota intorno a certi virtuosismi tipici dei '70 ma, credetemi, catalogarlo come album di memorie vintage sarebbe riduttivo e stupido. La cura di certi particolari come alcuni cambi, i suoni e diversi inserimenti di idee cronologicamente fuori dall'asse temporale dove i pezzi viaggiano, collocano questo album una spanna sopra alle uscite sui generis di questi ultimi anni. Semplicemente Essenziale.

THE RACONTEURS "SALUTE YOUR SOLUTION" VIDEO

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Carolina drama is my favourite
It's great can't wait to pick up the original

xxxx ha detto...

Found you on Hypem 't seems to be you're the first on this one
Nice blog fella!

Anonimo ha detto...

Fu***ng marvellous!!!!!!!

Radiazione ha detto...

Essenziale anche la tua rece,
grazie come sempre.

giuli ha detto...

I migliori consigli del web!
Se non ci foste voi.........
CiaoCiao!!!!!!

loky ha detto...

Hi guys!
I Raconteurs...che gruppo!!
Thanks....

Guardate le foto del link....le signorine più bruttine dovreste riconoscerle......:)

creamy ha detto...

@loky:
"Bruttina" era quella con cui sei uscito un paio di giorni fa..!!!!!!

:D D D

baci ragazzi!

roberta ha detto...

THE RACONTEURS _LIVE_ 8 LUGLIO 2008!!
ALLO SPAZIALE FESTIVAL TORINO SPAZIO211
www.myspace.com/spazialefestival

Anonimo ha detto...

bellissimo album, ma nei credits di salute Your Solution potevano citare la fonte da cui hanno copiato il riff portante: Living After Midnight dei Judas Priest

Van ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...