24/05/16

PERCUOTERE LA MENTE 2016

- Support your local Festival -


Con Percuotere La Mente (29 giugno – 31 luglio) anche Rimini cala i suoi assi tra pop, rock e canzone d'autore, sconfinando dai suoi percorsi prevalenti attraversati dalle pagine barocche, classiche, romantiche o contemporanee che siano, per gettare uno sguardo in territori musicali  della industria culturale, possibilmente in quelli più attenti a loro volta a ricercare linguaggi di confine, fra presente e passato, verso sonorità ibride. 

▶ Mercoledì 29 Giugno LANDLORD - CRISTINA DI PIETRO - RIMINI CLASSICA ENSEMBLE

▶ Giovedì 14 Luglio ROISIN MURPHY

▶ Martedì 19 Luglio KINGS OF CONVENIENCE

▶ Lunedì 25 Luglio BLONDE REDHEAD

▶ Domenica 31 Luglio AMORE CHE VIENI AMORE CHE VAI - Fabrizio De André le donne e altre storie con Cristina Donà, Rita Marcotulli, Enzo Pietropaoli,Fabrizio Bosso, Javier Girotto, Saverio Lanza, Cristiano Calcagnile

Tutti i concerti hanno inizio alle ore 21.15 alla Corte degli Agostiniani, via Cairoli 42 – Rimini.
In caso di pioggia al Teatro Ermete Novelli, via Cappellini 3 - Rimini

SONGS WE LIKE

- Frequenze old school -
 

ENZO CARELLA
MALAMORE
1977

Enzo Carella era un vero figo, in tutti i sensi.
Originale, innovativo, emozionante; tutte le sue canzoni sono immense e significative: mai riempitivi. Unico nel panorama internazionale italiano, stranamente non ha avuto il riscontro mediatico meritato come altri cantautori di quel periodo, nonostante Malamore nell autunno del 77 fosse piuttosto conosciuta.

Giro di basso da pelle d'oca, voce sincopata e degli arrangiamenti che se lo buttava fuori oggi diventava famoso in tutta Europa.
Non per niente alla sezione ritmica c'erano i Goblin e ai testi un certo Panella......

Ciliegina sulla torta.
Il 18 agosto 2011 viene arrestato per produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti (16 piantine di maria). Processato per direttissima, è stato rilasciato la mattina seguente, perché incensurato.

23/05/16

UN DISCO PER L'ESTATE

- Frequenze review -


Bacao Rhythm & Steel Band
55
Big Crown Records

Con una tracklist in equilibrio perfetto tra cover e pezzi originali i Bacao Rhythm E Steel Band son una band speciale, con il corpo in Germania e il cuore a Trinidad e Tobago.  La loro specialità sono gli steel plan, detti anche steel drums: quei tamburi metallici ricavati dai bidoni dell’olio, dal suono tipicamente caraibico, che mischiato al funk e ai ritmi cubani creano una pozione killer.

Unico rischio, ascoltando l’album dall’inizio alla fine, è il famigerato effetto hammond: bellissimo i primi tre pezzi, dal quarto in poi ti butteresti nel fuoco.

20/05/16

ATTIMI PERCUSSIVI REVISION

- Frequenze Edit -



Avete presente quando aprite quelle scatole vecchie in garage e dentro ci trovate ricordi, foto e cianfrusaglie varie che vi mettono di buon umore.....Ecco, noi proprio in questi giorni stiamo riaprendo vari hard disk e dentro ci stiamo trovando di tutto, fra cui delle revisioni e degli edit di brani che facemmo tanti anni addietro...e che hanno fatto parecchia polvere a forza di star lì.

Così abbiamo deciso di proporli qui sul blog, perchè ai momenti divertenti una lucidata ogni tanto va data.

Una settimana fa è stato il turno del (contestatissimo) re-edit di Pertanto dei Pan del Diavolo, oggi diamo una spolverata alla nostra revisione percussiva dei Tiromancino.
Ordinate un cocktail frizzantino e cliccate play.

19/05/16

DEATH IN VEGAS - TRANSMISSION

- Frequenze news -


Noi ve lo segnaliamo lo stesso perché, per quanto ci hanno fatto godere in passato, vantano ancora un grosso credito nei nostri confronti. Pero sappiate che, con l’estate alle porte, sarà dura riuscire a gustare tanto meno a digerire il nuovo album dei Death In Vegas; a meno che non siate dei fottuti appassionati di techno, industrial e darkwave.
Allora è un altro discorso.

Scordatevi i DIV degli inizi, quelli che flirtavano con dub, downtwempo e rock psichedelico, tantomeno con l’electro pop nel terzo e quarto album.
Ora che il progetto è tutto sulle spalle di Richard Fearless sembra che il lato oscuro abbia avuto la meglio.  C’è parecchia cattiveria latente: a sentire il primo singolo "You Disco, I Freak" il suono è acido, sincopato e industriale.
Di disco e di freak dentro non c'è traccia.

Speriamo che il resto sia via via più edulcorato, altrimenti, son sincero, io non ce la potrei proprio fare.
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...