31/07/09

PUMP UP THE VOLUME: THE HISTORY OF HOUSE MUSIC

- Il più grande fenomeno musicale dopo il rock'n'roll -



"Pump up the Volume: The History of House Music" è un riassunto di un pò tutto il fenomeno House, dalle origini (Chicago) fino alla miriade di generi e sottogeneri (Acid, Techno, Trance, Drum & Bass, UK Garage, etc, etc) che i quattro-quarti hanno generato dagli anni 80 in poi. Fu originariamente trasmesso da BBC channel 4 e, sebbene riscosse un buon successo fra tutti gli appassionati, non fu mai dato alle stampe come dvd. Un vero peccato. Fortunatamente qualche anima buona lo ha caricato interamente su YouTube.
Chi ha appezzato "Maestro", sicuramente gradirà. Buona visione.

30/07/09

TROPPI SOGNI, POCHE CERTEZZE

- Frequenze Indipendenti -

"...brian-frazzlingly original and fabulously sequenced whole...
Fits is sublime, sexy, unmissable."
****MOJO

"...even more gloriously schizofrenic and extreme than their debut."
****UNCUT

“An endlessly listenable unique sound… utterly brilliant”
****THE SUN

"...drums-spurging psych-outs with a core of 60s-flavoured rock guitar;
reflective dubby jazz and, most surprisingly,
conventional folk-rock singalongs"
****Q



Sembra che molti (noi compresi) siano già d'accordo su quale sia uno degli album meglio attrezzati per tentare la scalata al podio del duezerozeronove. E vi assicuro, quando non si riesce a scegliere un paio di pezzi da mettere in download è la conferma di avere tra le mani un piccolo capolavoro. Non vi dico di comprarlo a scatola chiusa perche non credo alle favole ma, dopo averlo ascoltato tutto dall'inizio alla fine (magari cominciando dalla 6, i primi pezzi sono cattivelli) , vi scatterà il desiderio malato di possederne fisicamente una copia. Magari in vinile, come per i dischi importanti, quelli che restano!

P.S.: diffidate dal myspace

29/07/09

FREQUENZE ON AIR

- Talk About Pop Music -

"Il salottino musicale di Frequenze Indipendenti"

STASERA ore 22,30
in diretta dal LOCO SQUAD di Milano Marittima
in tutta la romagna su
RETE 96 NETWORK
- FM. 95,9/96,2 -

Ospiti della serata:

SAMPAGLIA
(Sampaglia myspace)

SERGIO FERRARINI
(Chef stellato - Sito ufficiale)

STILL MORE INDIPENDENT

- Frequenze Choices -


1
In Flagranti

Louvre For Yo
2
She & Him

Please, please, please, Let me get what I want (The Smiths)
3
Lefties Soul Connection

Paul Newman

4
Beerjacket

Dancing in the Dark (Bruce Springsteen)

EQUAZIONI

- Frequenze*tanto*mi*da*tanto -

Incrociate una cantante soul di un centinaio di chili con la finezza di uno scaricatore di porto e otterrete Beth Ditto, lesbo-icona del primo decennio dopo lo zero. Qui in un recentissimo live (la scorsa settimana) dove, come intro ad un Gossip-medley, viene improvvisata una cover di Psycho Killer dei Talking Heads. In ogni caso, notevole. Ps: prime file, occhio agli sputi..


28/07/09

TRON - THE LEGACY

- Frequenze News & Movie preview -



1982. TRON. Fu il primo film fantasy sulla realtà virtuale. Tim Burton fu uno degli animatori originali. Il mondo dei videogiochi, della musica (Strokes - video di "12.51") e dei fumetti/cartoni animati (i Simpson - i Griffin e non solo) gli resero omaggio nei più svariati modi.
Mi ricordo che al cinema (avevo 8/9 anni), lo andai a vedere con animo leggero, fortemente rassicurato dal marchio Disney. Invece mi inquietò un poco. Molto oscuro e totalmente fuori dalle mie aspettative.
TRON avrà un seguito. La faccia di Jeff Bridges (come nel primo film) e 300 milioni di dollari di budget garantiscono l'opera.
Guardate il trailer originale del 1982 (in alto) e poi cliccate play qua sotto. Se siete dei fan o se anche per voi i 30 sono passati da un pò, garantisco che sentirete un leggero brivido. Buona visione.





Detto (e visto) questo, la colonna sonora e le musiche del film sembrerebbero affidate nientepopòdimenoche a Guy-Manuel de Homem-Christo e Thomas Bangalter, in arte Daft Punk. Avendo cercato un pochino tra i bit della rete non sembra ancora del tutto ufficiale la cosa, ma voci di corridoio vogliono che i Nostri abbiano già scritto circa 24 pezzi per il film, e a giudicare da questo video (video della serata di presentazione della Light Cycle, la motocicletta luminosa del trailer) ma soprattutto dal suo audio, si direbbe che lo zampino dei due ci sia eccome.

(segnalazione a cura di Marco Rota)

CARNIFULL TRIO - INFATTI EP

- Frequenze News -


Il Carnifull Trio torna a farsi vivo d'estate. E lo fa con un regalo per tutti: fans, aficionados, estimatori, creditori, impiegati catastali, e via discorrendo. Ed ecco qui un nuovo scintillante Ep gratuito (scaricabile su Riotmaker.net dal 31 luglio 09), baciato dal sole, a disposizione del mondo per rendere la stagione degli amori che vanno e vengono un pò più viva. Cinque groove, una citazione in copertina, un sacco di cose da ricordare.
Gassman e Re Nascimento sono in rotazione radiofonica sulle nostre frequenze dal 20 luglio.


Tracklist
01. Gassman
02. Ivan 3000
03. Re Nascimento
04. Vorrei la pelle vera
05. Villa Emo

AD OGNUNO LA SUA...

- Frequenze Curiosity -


Dieci modelli di chitarra che hanno preso il nome da famosi chitarristi.

1 Stephen Stills: Martin Stephen Stills O45S
(15,999 $)
2 Lemmy (Motorhead): Rickenbacker 4004 Lemmy Kilmister Signature
(edizione limitata a 50 pezzi del valore di circa 10,000$)
3 Chris Henderson (Three Doors Down): Paul Reed Smith Chris Henderson
(3,720$)
4 Sheryl Crow: Gibson Sheryl Crow
(3,404$)
5 Beck: Martin D-16BH
(2,950$)
6 Dave Mustaine (Megadeth): Dead Dave Mustaine VMNT Angel of Death
(1,812.50$)
7 J Mascis (Dinosaur Jr): Fender J Mascis Jazzmaster
(1,249.99$)
8 John 5 (Marilyn Manson): Fender J5 Triple Tele Deluxe e J5 Telecaster
(1,249.99$)
9 Robert Smith (The Cure): Schecter Ultracure Robert Smith Signature Model Electric Guitar
(1,099$)
10 Paul Westerberg (The Replacements): First Act PW580
(159.99$)

Liberi di suggerirne altri !

Marco Rota

27/07/09

EDWARD SHARPE & THE MAGNETIC ZEROS - UP FROM BELOW

- Frequenze Review -


Stanco del moderno tram tram quotidiano, Edward Sharpe raduna un po di amici, forma un collettivo di 12 elementi (The Magnetic Zeros) e su un vecchio autobus giallo parte da Los Angeles per un turismo trans-americano suonando jam session improvvisate dove capita. Una fuga dalla città conclusa dopo due anni di scorribande, un numero crescente di adepti e una dozzina di canzoni registrate in analogico, su nastro, con un mixer a 24 canali del 1979. Il passo successivo è dare alle stampe "Up From Below", un album dall'approccio idealista che fugge la tecnologia e i suoi progressi, immerso in un'atmosfera corale di folk rock psichedelico vissuta in maniera pienamente artigianale e disseminato di molti momenti memorabili. Canzoni come '40 Day Dream' e 'Home' sono entrambe immerse in calde armonie vocali, ma se la prima ricorda l'aulica coralità degli Arcade Fire, il paragone (in versione hippie) piu prossimo alla band, la seconda si lascia fischiettare come un'innocente motivetto bluegrass. Mentre il singolo 'Desert Song' ci piace ricordi i Radiohead di Ok Computer pur suonando lontanissimo. E come non ricordare i Devotchka nella latineggiante 'Kisses from Babylon' o in chiusura il tocco di stravagante freddezza soleggiata di 'Brother'.
Ascoltando Up From Below è un po come tornare indietro nel tempo, un tempo dilatato in cui tutte le ragazze indossavano abiti floreali, i falò sulla spiaggia illuminavano la costa californiana e il passaparola di un festival chiamato Woodstock catalizzava l'interesse di una generazione. Un epoca musicale ancora non troppo lontana come qualcuno potrebbe pensare. Peace and love, amici. Peace and love.


La prima di un lungometraggio lungo dodici parti, una per canzone, girato tra i Canyon della Monument Valley.


EDWARD SHARPE
& THE MAGNETIC ZEROS

Janglin

EDWARD SHARPE
& THE MAGNETIC ZEROS

Desert Song

25/07/09

COCKTAIL REVOLUTION

- Frequenze podcast -


L'appuntamento-podcast che vi accompagna nei weekend estivi: Cocktail Revolution è un viaggio senza tempo all'interno della musica (dal soul al funk, allo swing, al jazz, fino alla disco, alla bossa e alla breakbeat più deep). Un morbido cuscino sonoro su cui adagiarsi ed indugiare; vere e proprie chicche per orecchie esigenti. Dalla trasmissione radiofonica omonima (in onda tutti i giorni su Rete96Network dalle 18 alle 21) alcune pillole scelte e concesse in esclusiva (un grazie a Marco Moda) per i lettori di Frequenze Indipendenti.

Cocktail Revolution - Selezione 4


Download

24/07/09

SCENT OF GHOST

- Frequenze video preview -

Ci sono molteplici motivi, che non stiamo adesso a discutere, del perchè il mondo del videoclip sia cosi tanto poco avezzo alla formula del remake. Infatti, escludendo le versioni demenziali, a memoria non ne ricordo nessuno.
Per questo fa un certo effetto scoprire che il nuovo video degli Holy Ghost! è la copia precisa e decisamente ben fatta di Confusion dei New Order. Un omaggio fedele al New York city style dei primi anni 80' con un Arthur Baker tirato a lucido nel suo ruolo originale (il alternativa si era offerto James Murphy) e Nancy Whang (Lcd Soundsystem, Juan Mclean) ad interpretare la pizzaiola con la febbre del sabato sera.
Per goderne appieno seguite il mio consiglio: per prima cosa guardatevi Confusion dei New Order e solo allora fate partire il player qui sotto. Almeno speriamo che non solo Mtv Gold sia disposta a trasmetterlo.



Postilla. Col 'senno di prima' azzardo una previsione: il 2010 per gli Holy Ghost! sarà quello che il 2008 è stato per Hercules & Love Affair.


Holy Ghost! - I will come back
(Classixx acapulco nights version)

22/07/09

FREQUENZE ON AIR

- Talk About Pop Music -

"Il salottino musicale di Frequenze Indipendenti"

STASERA
ore 22,30
in diretta dal LOCO SQUAD di Milano Marittima
in tutta la romagna su
RETE 96 NETWORK

- FM. 95,9/96,2 -

Ospiti della serata:

TAM TAM STUDIO
(Giulio Aloisi - Corrado "Ray" Magalotti)

MAMACITA
(Mamacita band myspace)

JOHN DE LEO
(ex cantante Quintorigo - per Lugocontemporanea 09)

GOOD LUCK ADAM

- Frequenze bad news -


Adam "MCA" Yauch dei Beastie Boys ha scoperto di avere un cancro alle ghiandole salivari. Lo ha comunicato ieri attraverso un video su youtube insieme all'altro Beastie "Adrock". Annullate tutte le date del tour (in programma negli USA) e posticipata anche l'uscita del nuovo album ‘Hot Sauce Committee Part 1’, il primo dal 2004, che era prevista per metà settembre. Comunque nella sfiga guardiamo il lato positivo: attualmente, se scoperte in tempo, le neoplasie alle ghiandole salivari sono tra i tumori piu facilmente curabili, con ottime probabilità di guarigione in via definitiva.

[MP3] Beastie Boys - Triple trouble (Graham Coxon remix)

21/07/09

2 MANY DJS AL COCORICO': PER DAVVERO!!!

- Seconda bomba settimanale -

(2 many djs djset@season finale milano 15/7/2009)

Premessa, al djset di Milano non eravamo presenti. L'assist ci è arrivato sfogliando le foto sul facebook di un amico. Sono due fotogrammi di una video proiezione che accompagna l'esibizione dei 2 Many Djs costruita animando la copertine dei dischi in sincronia con le canzoni. Effetto garantito - guardare per credere - che ha raggiunto l'apice sotto i beats di "Don't stop (till you get enough)" nella versione remixata da T&T (recuperatela qui se volete). Il primo pezzo di una doppietta preventivabile per due personaggi dal bagaglio pop cosi tanto capiente. Un'omaggio sentito per via di un vecchio sodalizio che affonda le radici sin dagli esordi nel 1999, quando sotto il moniker di Flying Dewaele Brothers (poi convertito 2 Many Djs) presentarono, alla trasimissione radiofonica Radio Soulwax, Saturday Jeans un mashup storico, rispolverato sempre nel djset milanese, costruito miscelando Saturday dei Soulwax con Billie Jean e una puntina di Kaw-Liga (Residents). Si tratta di uno dei primi in assoluto, stampato anche su white label ma mai pubblicato per motivi di copiright. Vi capitasse di trovarlo in qualche mercatino, vi portereste a casa un bel tesoretto.

(2 many djs djset@season finale milano 15/7/2009)

Questo spunto attual/anedottico cela una ghiotta notizia trapelata con il contagoccie al di fuori dalla stretta cerchia legata agli "housers" nostrani. Quindi, cari amici dell'emisfero rock, prendetela come una sorta di anteprima assoluta: i 2 Many Djs suoneranno al Cocorocò venerdi prossimo (24 Luglio) all'inaugurazione di Diabolika: una serie di serate che vedranno alternarsi sotto la piramide piu famosa d'Italia alcuni nomi di spicco del panorama electro mondiale. Prologo, al djset di Riccione saremo presenti: quando ci ricapita l'occasione per un moonwalk al chiaro di luna?!


24 Luglio 2009
DIABOLIKA
Cocoricò, Riccione
2 MANY DJS
djset

...AND THE DRUMS, THE DRUMS, THE DRUMS...

- Frequenze Drums & Samples mini kit -


C'è da perderci la testa su sto cavolo di roba. Una specie di maledizione se avete anche un programma di registrazione che vi permetta di loopare ciò che fate. In poche parole la tastiera del vostro computer diventa un sample-pad. Provare per credere.

20/07/09

DIE VERBOTEN

- Frequenze News -

SOULWAX + RITON + FERGADELIC

" By the foot of the mountain
as the surf pounds the shore beneath the shady trees
in the warmth of the sun

on the White Island "

La bianca isola in questione è Ibiza, Eivissa in catalano, "Centro nevralgico del nuovo mondo" (della dance quanto meno). Proprio là, all'interno di una villa di cui non è dato conoscere l'esatta posizione, due anni fa è nato il progetto Die Verboten, un viaggio kraut/sperimentale di cui fanno parte (aprite le orecchie) i 2 fratelli David e Stephen Dewaele - Soulwax, 2ManyDjs -, Fergus Purcel - artista visuale, designer e musicista (Chrome Hoof, 5 Mic Cluster, The Changes) meglio noto con lo pseudonimo di Fergadelic - e Henry Smithson - musicista e Dj col nome di Riton -. Da allora, poco o niente è stato scritto su questo quartetto, il che, più che altro, perchè il progetto è sempre rimasto all'interno di quelle 4 bianche mura e nulla di tangibile (cd, vinile), nè tanto meno di digitale, è mai uscito sotto il nome Die Verboten. Questo fino a pochi giorni fa. Oggi, ed ancora per molto poco, troverete disponibile QUI in sole 300 copie numerate a mano, il risultato della sessione ibizenca di questo supergruppo: "Live in Eivissa", 19 minuti di coscienza Kraut suddivisa in 5 atti affogati nelle acque delle baleari. Nulla di preparato, soltanto musicisti che, grazie ad alcune diavolerie (è il caso di dirlo) analogiche e digitali, traducono "live" i pensieri musicali che li attraversano. Cosa aspettarsi allora ? Più che altro, qualcosa che questi signori non riuscirebbero a fare se non qui, lontano da palcoscenici e folle.
Da notare il fantastico packaging del vinile, curato dallo stesso Fergadelic: fra foto e immagini, una "magica" piramide di cartone da costruire con le vostre mani, un amplificatore di vibrazioni positive (vedi foto in fondo). Nei prossimi mesi alzate i radar: targati Die Verboten usciranno un DVD ed una seconda session: "Live in Evisu", registrata in riva alle stesse acque, il tutto sempre sotto l'attenta supervisione di quei geni del vinile-adhoc conosciuti come The Vinyl Factory.

QUI l'intervista ai membri di DIE VERBOTEN
QUI 30 secondi di anticipazione dall'Ep

MOVE YOUR BOOGIE BODY

- Frequenze workout -



Lunedi mattina presto. Una nuova settimana sta per cominciare. I casi sono 2: o subite il ritmo che questa giornata vi impone oppure siete voi a decidere che ritmo dare. So...Let's move your boogie body, take it up, take it up, take it down ! Dal 1982 un video per muovere i vostri deretani funk prima di intraprendere un lunedi straordinariamente in forma.
A più tardi per il primo interessante aggiornamento della settimana.

19/07/09

JULIAN GOES SOLO WITH PHRAZES FOR THE YOUNG

- Frequenze News -

Vi anticipiamo che la prossima sarà una settimana talmente ricca di anteprime da dover iniziare a postare la domenica per garantire il giusto spazio a tutte le notizie.

E cominciamo la serie con l'attesa presentazione dell'album solista di Julian Casablancas intitolato Phrazes for the Young. Otto canzoni (poche e presumibilmente lunghe) registrate tra New York, Los Angeles e il Nebraska sotto la produzione di Mike Mogis, dei Bright Eyes e Jason Lader, già alle manopole per Jay-Z, Coldplay, Gwen Stefani e Justin Timberlake. I dettagli sono ancora scarsi ma da quel poco che si può sentire nel trailer sembra trasparire una vena prog/psichedelica floydiana abbastanza marcata, unita alla ricerca di suono dilatato, piu trasognato e riflessivo rispetto all'immaginabile. Sempre che non si tratti di un mera colonna sonora a sè per mischiare le carte.


Sparkelhorse & Danger Mouse - Little girl (feat. Julian Casablancas)

18/07/09

FREQUENZE ON AIR (Talk About Pop Music)

- Frequenze Podcast -

Dopo un bel pò di mail di sollecito e di richieste pervenuteci in generale, la direzione della radio ci ha dato l'ok per mettere in ascolto (e non in download) sul web il podcast di Frequenze On Air (sottotitolo: Talk About Pop Music), "il salottino musicale live di Frequenze Indipendenti" in onda (in diretta) ogni mercoledi dell'estate dal Loco Squad di Milano Marittima su Rete96Network - Fm 95,9/96,2 dalle 22,30 alle 24.
Tuttavia questa scelta non avrà carattere continuativo, pertanto, come dire......prendiamo ciò che ci viene gentilmente concesso.....!

Frequenze On Air - 15.07.09
Ospiti:
Enzo Baruffaldi (Polaroid Blog, Vitaminic.it)
Marco Turci (Monogawa Entertainment)

17/07/09

RIMBORSO BIGLIETTI TOUR ITALIANO DI MORRISSEY

- Frequenze utilities -

Grinding Halt Concerti & DNA Concerti annunciano che i biglietti acquistati in prevendita relativi ai concerti italiani di Morrissey del 13 e 14 Luglio 2009 al Velvet di Rimini saranno rimborsati, e non potranno essere utilizzati per i futuri concerti dell'artista in Italia, come da vigente normativa nazionale.
Le modalità e tempistiche di rimborso dei biglietti sono relative al canale di prevendita utilizzato. I rimborsi sono già attivi.
Le prevendite utilizzate per la vendita di biglietti per il concerto di Morrissey sono:
Ticketone - www.ticketone.it - tel.- 892 101
Greenticket - www.greenticket.it - tel.199.199.111
Vivaticket - www.vivaticket.it - tel. 899.666.805
Il rinvio del tour italiano di Morrissey è stato deciso dal management dell'artista.
Grinding Halt Concerti, DNA concerti e il Velvet di Rimini non sono responsabili del rinvio dei concerti. Le nuove date del tour italiano di Morrissey saranno presto recuperate in data e luogo da destinarsi.

THE UMBRELLA'S TALES

- Frequenze Books -


Nella prima metà degli anni Settanta Bowie aveva anticipato tutti i trend, indossando i panni di camaleontico musicista folk, poi hard rock, infine profeta del plastic soul. Da Major Toni a Ziggy Stardust, da Halloween Jack al Sottile Duca Bianco, una carrellata di personaggi e maschere aveva celato la sua vera personalità. Fino a quando nel 1975, in preda ai demoni della cocaina e a una paranoica ossessione per l'occulto, fuggì da Los Angeles per dirigersi con Iggy Pop a Berlino - la Berlino di Isherwood e dei fumosi cabaret, quella "città fatta di bar in cui la gente triste può andare a ubriacarsi" - in cerca di anonimato e di nuovi stimoli. Per Bowie, affascinato dall'arte espressionista e dalla musica kosmische, dalla devastazione della guerra e dall'atmosfera di sbiadito glamour che la pervadeva, Berlino, divisa dal Muro al confine tra l'Est comunista e l'Occidente capitalista, era "tagliata via dal suo mondo, dalla sua arte, dalla sua cultura, agonizzante e senza alcuna speranza di risarcimento". Lì, insieme a Brian Eno, Tony Visconti, Robert Fripp, diede vita a tre album sperimentali, oscuri e intrisi di alienazione, ormai entrati nella leggenda: "Low", "Heroes" e "Lodger", che con la loro sintesi di avanguardia elettronica, rock'n'roll e world music hanno aperto la strada alla new wave, al synth pop e al movimento New Romantic degli anni Ottanta, influenzando intere generazioni di musicisti, dai Joy Division ai Duran Duran, dai Depeche Mode agli U2.
In questo libro di 336 pagine, edito in Italia da Arcana, il giornalista inglese Thomas J. Seabrook ci racconta quella Berlino, piu di una volta, crocevia preferito per i destini del rock.




La seconda proposta di giornata ci arriva ancora da un giornalista britannico, tale Mark "Snowboy" Cotgrove. In 290 pagine analizza l'evoluzione della club culture a braccetto con la black music: un viaggio a partire dagli anni 70' fino alla metà dei 90' con l'esplosione del cosidetto Acid Jazz. Un sottogenere di maestranza esclusivamente britannica che rielaborò, incorporando elementi dal jazz, funk e soul, il concetto di fusion, puntando sull'integrazione di numerosi altri elementi musicali contemporanei, soprattutto l'hip-hop. Ma contrario a quella tendenza del rap che su basi jazz giocava con le parole. Il vero interesse stava nella componente musicale. Papale papale: doveva far muovere il culo. Per questo piacque tanto alla generazione degli ex ravers sulla trentina ancora desiderosi di farsi trasportare dal ritmo.
Ecco 4 un'assaggi di tempi andati. Non li rimpiango con nostalgia ma sono canzoni che mi ha fatto un certo effetto riascoltare.

Guru - No time to play //1993
Arrested Development - Ease my mind //1994
Brand New Heavies - Have a good time //1994
Omar - Golden brown (Stranglers cover) //1997

Conoscendo le dinamiche del blog, il secondo libro non interesserà nessuno a parte il sottoscritto. D'altronde l'estate è anche la stagione di notizie apparentemente inutili . Pazienza. Certo, meglio un libro del bollettino sul traffico o sui rimedi per le scottature......
Hastal vuego, amici.
Libri in borsa, oggi si và al mare!

16/07/09

STILL MORE INDIPENDENT

- and hard to find/italian edition -


Piero Umiliani - Crepuscolo sul mare
Mop Mop - Amarcord (Nino Rota)
Miele + Uazz - L'ultima occasione (Mina cover)
Lucio Dalla - Washington (Kommand edit)

CHANGE, CHANGE, CHANGE......

- Frequenze Curiosity -


E meno male che, nonostante la crisi, il mercato del vinile gode di buona salute. Altrimenti sai che altro si inventano i designers di Bughouse.......

15/07/09

FREQUENZE ON AIR

- Stasera in diretta dal Loco Squad di Milano Marittima -


"Il salottino musicale di Frequenze Indipendenti"


STASERA (15 Luglio)
ore 22,30
in diretta dal
LOCO SQUAD di Milano Marittima
in tutta la romagna su
RETE 96 NETWORK
-
FM. 95,9/96,2 -

Ospiti della serata:

ENZO BARUFFALDI
(Polaroid blog - Rolling Stone - Radio città del capo)

MARCO TURCI
(Monogawa Entertainment)

ALEX PIERI
(Monogawa Entertainment)

DINOSAUR JR. - FARM

- Frequenze Reviews -


A 25 anni dalla sua nascita, la band di Amherst (Boston) capitanata dall'immarcescibile Joseph Donald Mascis, giunge al 9° album in studio (il 5° nella storica formazione originale), e come brillantemente anticipato dal singolo/video "Over It", gode ancora di grande salute e giovinezza.
Dopo la reunion del 2005, con i compagni degli esordi Lou Barlow e Murph, e il brillante ritorno discografico del 2007 con Beyond, Farm conferma, nel caso ancora ce ne fosse bisogno, che la preistorica creatura musicale di J. Mascis ha ancora tanto da dire e da insegnare al panorama alternative rock contemporaneo.
I contributi di Lou Barlow, "Your Weather" e la conclusiva "Imagination Blind", sono ben distinguibili e con una vena dark, donano varietà alla scrittura di un disco che per il resto è tutto farina del sacco dello storico leader J Mascis.
Anche per il lui il tempo lascia il segno, la folta chioma ormai canuta, gli occhiali inspessiti… ma alla soglia dei 45 anni è ancora capace di emozionare come due decadi fa, e regala una decina di canzoni da manuale, abrasive, con quella inconfondibile voce spezzata e tratti strascicata, e una Jazzmaster che parla.
Un campionario di meraviglie chitarristiche che alterna dolcezza ed irruenza, con quel sound inconfondile, unico, a tratti epico, sempre ammantato da un alone di romanticismo decadente che raggiunge il suo climax nei brani più estesi, marchiati a fuoco da scroscianti assoli come nella straziante malinconia di “Said The People”, o nell’epicità younghiana dell’interminabile “I Don't Wanna Go There”. Menzione a parte per la superba “Plans”, una ballad romantica, solcata da laceranti assoli, tra le migliori uscite dalla penna di Mascis, capolavoro del disco.
Niente di nuovo o innovativo rispetto al passato, “solo” canzoni suonate con gusto sopraffino, come chi è capace di conservare stile e classe nel tempo sa fare.

Alessandro Valzania

Dinosaur Jr. - Farm
Listen to the entire album
HERE

14/07/09

SPACE ODDITY EP (2009)

- Frequenze news: An oddity 40 years later... -

Per i 40 anni di Space Oddity, la EMI mette in vendita su I-TUNES (tramite il sito del cantante), solo in versione digitale, un Ep con 4 versioni del celebre inno. Ora, siccome si sta parlando di download digitali e più o meno tutti nella loro libreria di mp3 hanno QUEL brano di Bowie (sperando che abbiano poi MATERIALMENTE anche il disco vero...), l'operazione, inizialmente, è parsa essere un buco nell'acqua gigantesco. In realtà la vera mossa è un'altra: ai quattro brani elencati qui sotto sono state aggiunte separatamente le 8 tracce originali che compongono il brano (il giro di basso e batteria, le chitarre, il mellotron, i fiati e gli archi, i cori, la voce, etc.) dando così la possibilità a chiunque ne abbia voglia e tempo (e software, chiaro), di remixare, ri-editare, ri-mescolare a piacimento uno dei più grandi successi della storia della musica rock.
Ho paura che molte label seguiranno. E momentaneamente non capisco se la cosa mi piace o mi terrorizza.

The Space Oddity Digital EP

Space Oddity (original UK mono single edit)
Space Oddity (US mono single edit)
Space Oddity (US stereo single edit)
Space Oddity (1979 re-record)

DANCE DANCE DANCE TO THE RADIO

- Frequenze Cover -


Una fanfara caraibica in parata per le strade di Manchester. Inizialmente potrebbe sembrare una base di Sarabanda, ma col passare dei minuti il titolo del video non tradirà le aspettative, sfociando nel capolavoro.

www.nicholasabrahams.com
.

13/07/09

L'ESTATE STA FINENDO?!

- Endless summer song -


IL PAESE DEI BALOCCHI

- Frequenze Old School Video -



The Tube - A day in the night of NY
Ovvero, un proto "Lucignolo - bella vita" in versione no wave/mutant disco. Insieme a Jools Holland e Leslie Ash trascorrerete una notte del 1984 a zonzo per i club di New York alla scoperta di quella night couture tanto celebrata a parole ma forse mai cosi ben videodocumentata. Si parte dal Danceteria per una mostra di Klaus Nomì, per poi trasferirsi al Roxy a far due chiacchiere con Arthur Baker sulle ultime tendenze musicali. E per concludere il tour, verso le cinque del mattino, al Paradise Garage in compagnia dei Peech Boys. Ma prima di rincasare c'è ancora il tempo per un concerto dei Quando Quango.
Magnifica decadenza.

Liquid Liquid - Optimo (An Optimo Espacio remix)
Quando Quango - Love Tempo (12" mix)

Chaka Khan - Fate (Todd Terje tynnertje edit)


12/07/09

MORRISSEY, DATE DI RIMINI RINVIATE

- Frequenze News: concerti annullati -

Siamo spiacenti di annunciare il rinvio delle due date italiane di Morrissey per motivi al momento non risolvibili (operazione alle corde vocali ?). I concerti previsti al Velvet di Rimini il 13 e 14 Luglio 2009 sono rinviati a data e luogo da destinarsi (si pensa in inverno). I possessori di biglietti per gli show di Morrissey possono tenere i tagliandi acquistati per le future date.
Notizie sui rimborsi dei biglietti saranno comunicate a breve.

I futuri concerti di Morrissey schedati per Luglio non subiranno rinvii.

11/07/09

YOUTH, SPEED, TROUBLE, CIGARETTES

- Frequenze preview -


Dimenticate il french touch. Dimenticate il supereroe mascherato degli esordi. come pure la successiva gospel house. Dimenticate l’allegra solarità sperimentale di Toop Toop. Resettate qualsiasi altro ricordo sui Cassius, perche a casa Zdar/Boom Bass si cambia colore agli intonaci. Dal policromo cangiante si passa a scure tonalità acide, con monocromatiche sfumature rosso sangue. Questo nuovo corso electro rock viene inaugurato, a sorpresa, il 14 Luglio prossimo dal singolo 'Youth, Speed, Trouble, Cigarettes'. Un pezzo interlocutorio dagli spigoli vivi, per niente ruffiano e difficile da mettere a fuoco. Si parte con un suono di sirena pescato dritto dai novanta e si continua con una nenia giovanilista che, passata sotto la grattugia dei Chemical Brothers, diventa quasi un grido di sommossa.
Per ora non ho capito se mi piace oppure no; non è necessariamente un male, anzi, secondo i miei standard, è un buon segnale: meglio farsi conquistare poco a poco. E se cosi non fosse, avanti un'altro. Vi lasciamo in dote la b-side. Quella si che mi piace: una versione madchester/rave del classico Almost Cut My Hair del mitico David Crosby.



Cassius -Almost cut my hair

COCKTAIL REVOLUTION

- Frequenze Podcast -


Dopo una settimana di pausa, ritorna l'appuntamento-podcast che vi accompagnerà per tutti i weekend estivi: Cocktail Revolution è un viaggio senza tempo all'interno della musica (dal soul al funk, allo swing, al crooning jazz, fino alla disco, alla bossa e alla breakbeat più deep). Un morbido cuscino sonoro su cui adagiarsi ed indugiare; vere e proprie chicche per orecchie esigenti. Dalla trasmissione radiofonica omonima (in onda tutti i giorni su Rete96Network dalle 18 alle 21) alcune pillole scelte e concesse in esclusiva per i lettori di Frequenze Indipendenti.

Cocktail Revolution - Selezione 3


Download
.

10/07/09

NIGERIA ROCK SPECIAL

- Frequenze Reviews -


"Nigeria Rock Special"
(2008 - Soundway Records)

C'è un'etichetta da tenere d'occhio nel panorama della cosiddetta "World Music", ed è la Soundway Records di Miles Cleret.
Il 3' capitolo della serie di cd dedicati alla musica nigeriana anni'70 - dopo i primi due "Nigeria Special" e "Nigeria Disco Funk Special" - è "Nigeria Rock Special", sottotitolato "Psychedelic Afro-Rock & Fuzz Funk in 1970s Nigeria": il titolo è fin da subito eloquente e non ha bisogno di ulteriori spiegazioni.
La cosa che subito colpisce al primo ascolto è la vivacità e la spontaneità dell'approccio nigeriano nei confronti del funk e del rock '60s di stampo anglosassone, il modo quasi naif che questi gruppi hanno di manipolare artisti come Jimi Hendrix, James Brown o Led Zeppelin con il loro highline nero e africano, dando vita a un'improbabile ed esotica mutazione. Non per niente ho provato questa sensazione la prima volta che ho ascoltato Os Mutantes, che fecero un esperimento simile, ma in terra brasiliana..
E' una gioiosa festa equatoriale, dove chitarre fuzz e organi farfisa si trovano invischiati in parti ritmiche inebrianti, all'insegna dei groove e dei ritmi più ossessivi.
Provate ad ascoltare "Give More Bread To The People" di certi Action 13, e penserete ad uno scherzo: ma come, questi non sono i Make Up di Ian Svenonious?
Per chi pensava che Nigeria fosse solo Fela Kuti o Tony Allen sarà bello sapere che è possibile invece rintracciare il percorso di una scena musicale a quanto pare molto florida, dove una forte ansia di riscatto sociale e una rigogliosa vita notturna fatta di club e sale da ballo hanno dato vita a centinaia di artisti e band interessanti.
Tutta musica che, senza il prezioso lavoro della Soundway Records, avremmo forse perduto per sempre.

Claudio Cavallaro

Ascoltate QUI Nigeria Rock Special

09/07/09

FREQUENZE DEPRIMENTI

- Provocazioni & istigazioni a delinquere a cura di Francesco Farabegoli -


Il mio amico Marco (chitarrista di un gruppo indie-sfiga romano con le chitarre grosse chiamato Cat Claws, cercateli se siete fan di roba tipo Pixies/prime Breeders) mi ha convinto che la parola del mese è SGRATTOA.
SGRATTOA, possibilmente pronunciato con il caps lock e l’accento sulla (o))), identifica un concetto a metà tra suono ed attitudine, entrambi di stampo massimal-minimalista e che possiamo fare risalire ad un immaginario post-fricchettone contemporaneo di gente che suona cose psichedeliche con la botta e non si lava i piedi più di una volta al mese. Suppongo possa andar bene per descrivere un gruppo sludge qualsiasi, ma di questi tempi lo sludge non è più di moda (negli anni novanta, INVECE…). Quindi per ora SGRATTOA sta a definire tutta una serie di gruppi e persone che girano in ambito alt-folk chitarroso malatissimo e fanno dischi SGRATTOA per andare a rimorchiare ragazze SGRATTOA in giro per locali SGRATTOA di tutta la terra. Il disco SGRATTOA per eccellenza degli ultimi mesi è l’ultimo disco dei Pontiak (foto a sinistra), che si chiama Maker ed esce –mica cazzi- per Thrill Jockey, ma possiamo elevarci ad una sorta di zeitgeist collettivo che vada a pescare a destra e a manca in giro per chi fa indie e non taglia la barba. Altri SGRATTOA con il pedigree che si sono fatti sentire negli ultimi tempi sono gente come Arbouretum, da qualche mese fuori un disco nuovo, oppure –che so- Pink Mountaintops (anche se loro mi fanno cagare), Sleepy Sun etcetera. Io di mio ho un altro concetto, ma credo che ci sia spazio anche per le opinioni altrui (altrui è quasi sempre sinonimo di sbagliato, l’avete mai notato?). Tanto per dire di ciò che succede in giro, comunque, vado a fare un elenco di qualche cosa veramente SGRATTOA che è successo, sta per succedere, sta succedendo o potrebbe succedere tra luglio agosto e settembre:

1) Mi hanno fatto sapere qualche ora fa che i Jesus Lizard faranno tre date italiane, di cui una al Locomotiv (Bologna), verso il 20 settembre.
2) Dieci giorni prima i Dinosaur Jr (foto a destra), che sono il gruppo più SGRATTOA della storia dello SGRATTOA, suonano all’Estragon Summer e spaccano tutto.
3) Il nuovo video degli stessi Dinos che li vede in sella a skateboard e BMX come una specie di versione SGRATTOA e non concettuale del video di Feel The Pain senza mazze da golf O con le mazze da golf infilate su per il culo.
4) I Karma To Burn che mi suonano il concerto dell’anno dei concerti dell’anno in spiaggia a Marina di Ravenna.
5) Lou Barlow che nel video di cui al punto 3 somiglia pesantemente a me quando avevo capelli lunghi e 5 Kg. in meno sul culo.
6) Il fatto che nell’ultimo disco dei Pontiak c’è una canzone che sembra una outtake dei penultimi Death In June (quelli che facevano folk e non facevano schifo) e sembra il doppio più SGRATTOA dei pezzi più SGRATTOA del disco.
7) I Brujeria la sera del 15 agosto al Rock Planet (se la sera di ferragosto mollate tutto e vi andate a vedere i Brujeria al Rock Planet siete più SGRATTOA di ogni concetto di SGRATTOA precedentemente esposto).
8) Il gruppo di Vinnie Paul si chiama Hellyeah, l’etichetta di Vinnie Paul si chiama Big Vin.
9) Ripescare i Sepultura che fanno la cover di War di Bob Marley come un pezzo dei Sepultura suonato dai Korn.
10) Una mia amica del giro che si avvicina e mi chiede “ma è vero che sei andato al cine a vedere Transformers 2?”, io che rispondo “sì, due volte” e lei che si allontana ridendo e deridendo. Tra l’altro per farmi due visioni di Transformers ho saltato tutte le date di Itinerario Stabile, mea culpa.

E basta. Dato che ci siamo, se siete così scemi da essere arrivati fino in fondo al post siete clienti ideali di un blog che ho messo su l’altra settimana, si chiama BASTONATE e ospita quattro o cinque amici miei che più SGRATTOA non si può.
Visitatelo: per ogni dieci click permetterò a Deni di darmi una sculacciata
.
Bacioni.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...